Casa Satta

 

“Casa Satta” è una Comunità  di tipo residenziale (Gruppo Residenziale di Integrazione Sociale)  ubicata a Nuoro  in via Angioy n° 1 e   gestita dalla Cooperativa Sociale “Progetto Uomo”.  La struttura, autorizzata all’apertura ed al funzionamento con Determinazione 1315 del 30/12/2010 adottata dalla Regione Autonoma della Sardegna, eroga servizi socio-sanitari in conformità a quanto previsto dalla DGR n. 35/6 del 12-09-2007 e nell’ allegato alla DGR 57/3 del 23.10.2008.

 

Il progetto nasce dalla collaborazione tra la Cooperativa Sociale “Progetto Uomo”, il Seminario Vescovile di Nuoro e la ASL n°3 per dare una risposta congiunta a un bisogno sociale espresso dal nostro territorio: l'esclusione sociale che  si accompagna  a un percorso di vita caratterizzato da sofferenza psichica e disagio sociale. La struttura che accoglie la comunità, la casa natale di Salvatore Satta, giurista e scrittore nuorese,  è una casa di proprietà del Seminario Vescovile di Nuoro  donata intenzionalmente al Seminario Diocesano per  offrire accoglienza e sollievo alle giovani donne  “in stato di povertà”. 

Attraverso l’inserimento in Casa Satta la persona attua un percorso terapeutico personalizzato rivolto alla promozione della salute mentale e all’attivazione di percorsi abilitativi e di inclusione sociale . Le persone traggono vantaggio  e sostegno dalla vita comunitaria  e soprattutto apprendono abilità, ossia capacità di eseguire compiti in maniera appropriata al fine di  avere successo  e soddisfazione nell’ambiente prescelto. I programmi individualizzati in questo senso sono orientati ad abilità di tipo sociale, emotivo, relazionale e di tipo lavorativo.

 

 

Destinatari

La Comunità di tipo  residenziale “Casa Satta”,  accoglie  un gruppo di convivenza  ( massimo   8 persone), di sesso femminile affette da disagio mentale e patologie di tipo psichiatrico di media intensità terapeutica. Le ospiti dovranno aver raggiunto la maggiore età e dovranno essere in condizioni  che indichino l’utilità di un intervento riabilitativo a termine  o comunque il recupero di abilità e competenze (sociali, relazionali, emotive e lavorative) tali da consentire  il rientro in famiglia o in abitazione autonoma . Dovranno inoltre essere in una condizione di assenza di acuzie tali da rendere  troppo problematica  la vita di comunità.

Gli inserimenti vengono effettuati dal Dipartimento di Salute Mentale (attraverso il responsabile ARIS e il PUA) della Asl di provenienza dell’utente. E’ compito della Asl,  attraverso il DSMD, curare le attività terapeutico- riabilitative di tipo sanitario.

 

Per ulteriori informazioni contattare:
 
Rosaria Guiso
Coordinatore della struttura
Tel. 0784.208034